Free Download APP MOBILE TAROLLI
 TAROLLI la Nuova APP GRATIS mobile

 

 

  TAROLLI    

 

 

 

NATALE 2019
Il Dono della Libertà

 

E’ dimostrabile ciò che non è ripetibile?
Sembra di no.
Essere liberi vuol dire percorrere strade sempre nuove, cioè saper creare, anche dal nulla, vie alternative di vita.
Chi è libero non è scientificamente dimostrabile perché non è ripetibile.
Se Dio è libero, nella misura in cui Egli è libero, non si può dimostrare la sua esistenza;

il metodo scientifico nulla può a riguardo, non ha i mezzi per risolvere il problema dell’esistenza di Dio.
Il fatto che non sia dimostrabile indica che non esiste oppure che è libero di esistere?
A logica sembra che palesare la non esistenza apparente sia una delle libertà di un Essere superiore a noi.
E’ più grande la libertà o la non esistenza?
Ha più valore ontologico e vitale la libertà o la non esistenza?
Come può la Libertà entrare in un mondo determinato come il nostro senza sconvolgerlo o rivoluzionarlo in breve tempo?

Forse adottando il mascheramento della “non esistenza”?
Sicuramente l’uomo vive nel suo tempo terrestre,

e Dio in quale tempo vive?
L’uomo desidera uscire dai suoi confini specie quando questi diventano catene strette e pesanti su di sé,

cioè quando si sente povero e denudato dalla libertà del vivere;
L’uomo desidera la libertà;
L’uomo cerca Dio.
La scienza, essendo nutrita dalla dimostrazione, si occupa di ambiti con limitata libertà intrinseca che toccano l’ assenza di libertà.
La scienza sembra costitutivamente non risolvere il desiderio di libertà dell’uomo perché si occupa di ambiti con libertà limitata.
Appare che l’Uomo viva posto in mezzo tra l’infinito libero e il determinato immobile e morto;

L’essere umano vive al confine del Creato?

L'Uomo fa parte del contorno periferico del Regno di Dio?

Il "cuore" di Dio pulsa nella libertà più pura,

nel bel mezzo di essa?

 

 

Tarolli, 24 dicembre 2019

 

 

 

SETTE MILIARDI RE

 

State vivendo in un mondo?
Credete che state appoggiando i Vostri piedi su un unico suolo terrestre?
Qualcosa è cambiato ...
Sette 7 miliardi di Re
regnano in 7 miliardi di mondi;
ognuno è monarca assoluto,
ciascuno si sente imperatore perfetto;
sette miliardi di monadi indipendenti,
ogni Persona fa quello che gli pare
e si sente pienamente realizzata nel farlo;
non viviamo più nell'unico mondo,
non siamo un unica Comunità umana;
è la Babele all'insegna del Diavolo-Consumismo e
del gigante planetario dell'interesse globalizzato.
Giro lo sguardo
e qui quieto mi chiedo:
"Cosa sta succedendo ora nel Regno dei Cieli,
cosa sta avvenendo in questo momento nel Regno Celeste?

 

Tarolli, 15 dicembre 2019

 

 

 

SULLE ALI DELLA SPERANZA
Agli Sposi

 

Vola Paola con Oscar Vola,
Vola Oscar con Paola Vola;
spinge il vento la vela, si gonfia la vela al vento;
Scorre veloce l’acqua della Sorgente allegra,
la fontana di Casa zampilla dalla montagna;
Danza felice il ritmo dell’Armonia Danza;
la Gioia profuma ogni fiore, il nettare veste di profumo la Gioia;
Il Sorriso invade ogni panorama,
l’azione conquista ogni continente;
la Gioventù,
Alejandro, Emmanuelle, ___________, ...
Vi sospinge in alto sulle vie tracciate dagli arcobaleni;
Vola Oscar con Paola Vola,
Vola Paola con Oscar Vola,
sulle ali del Sorriso,
sulle ali della Gioia;
battono le ali dell’Azione;
battono i vostri Cuori sospesi,
negli occhi sereni
ogni cielo è aperto.

Ehi, Tu, guarda,
guarda come volano ancora quei due,
migratori instancabili verso i paesi caldi della Vita,
si chiamano Oscar e Paola !

 

(Tarolli, 07 dicembre 2019)

 

 

TRA IL TUTTO E IL NIENTE


Prendiamo un nostro progetto marketing ispirato e realizzato con passione...
La differenza tra un destino di strepitoso successo e quello di ottenere una magra affermazione è sottile e breve...
Tra il tutto e il niente vi è un sottilissimo velo,
come tra l'armonia e la stonatura nel suonare uno strumento;
tra il luminoso sogno realizzato e il povero riconoscimento ottenuto,
giace sospesa una carta velina trasparente...
Perché questo grottesco paradosso?
La tua proposta
se è stata vista,
non è stata accettata con gioia dal Re comunitario...
Ciò è accaduto,
forse per un Suo capriccio,
forse a causa di una Sua decisione risoluta e meditata che a noi creatori ci è completamente sfuggita,
oppure perché il Suo sogno non è concentrico con il nostro...


Tarolli, 26 novembre 2019

 

 

L'ODIATO MONDO DELLE REGOLE

 

Le regole sono la struttura della società,
se noi togliessimo le regole, la società liquefarebbe;
le regole sono i pilastri e le travi dell'edificio sociale,
non sono il contenuto,

né gli spazi interni,

né gli ambienti vitali;
sono ciò che permette la possibilità che esista il contenuto, gli ambienti vitali, gli spazi di relazione e di cooperazione, gli spazi di vita comune;
le regole strutturano l'edificio sociale,

senza le regole l'edificio sociale crollerebbe;
senza questa struttura la società,
nel senso di comunità che agisce e vive insieme corresponsabilmente e in relazione,
non esiste più,
esiste piuttosto un minestrone di persone che più o meno mescolate sbarcano il lunario,

senza alcun rapporto di rispetto evoluto

riguardo la dignità e il valore di ogni altro essere umano e della sua comunità;
senza la struttura delle regole regna la legge naturale,

quella del più forte,

quella del soddisfacimento degli istinti di sopravvivenza.

 

Tarolli, 22 ottobre 2019

 

 

L'OTTIMO AFFARE

 

Un ottimo affare si fa sempre in tre:
io, tu, l'altro;
se ci dimentichiamo dell'altro, frodiamo alle spalle l'io e il tu;
me, te e l'altro, assieme formano la realtà.
Ti stai chiedendo chi è l'altro?
La natura, la società, Dio, ... ad esempio.

 

La saggezza va pefezionata e riscritta se necessario,

specie quando non era la verità.


Tarolli, 07 ottobre 2019

 

 

 

LA DEMOCRAZIA SPIRITUALE

 

Ogni persona è dimora vivente dello Spirito che attraversa e passa dalle porte del suo animo, spalancate e senza alcuna serratura.

Le correnti spirituali sono individuali e libere;

individuali perché incarnate in ogni io,

libere perché entrano in noi ed escono da noi senza ostacolo alcuno...

Separare, classificare, dividere, incarcerare, mortificare, segregare, fregarsene, creando persone di serie A e persone di serie B è contro natura, contro la vita più alta e intensa, quella che dimora in noi perché ci visita e ci è stata comunicata.

 

Tarolli, 28 agosto 2019

 

 

LA SCOPERTA: L’io-collettivo

 

Io come tutto in me,
l’altro come tutto in lui:
manca l’essere collettivo
che è tutto con tutti.
Il mondo sociale non è un insieme di monadi,

individui autonomi independenti,
invece esiste una persona collettiva
che raduna,
attrae a sè,
raggruppa,
fa confluire molteplici strade in una,
e, allo stesso tempo,
raggiunge le innumerevoli vie partendo dalla strada maestra:
E’ l’io-collettivo.

Nel dialogo amorevole tra due o più persone,
i sentimenti, l’affetto, i pensieri
si trasferiscono dall’uno all’altro passando
attraverso il “cuore” dell’io-collettivo;
è questo passaggio intermedio, nascosto e silenzioso, che conferma il miracolo del rapporto tra le persone; infatti il sentimento scambiato si impregna d’immenso e di eterno perché visita e viene toccato dall’io-collettivo e dai suoi valori.

L’io-collettivo non riesce ad accettare sentimenti che non lo riconoscono;

in altre parole, atteggiamenti che negano in sé l’io-collettivo, vengono rifiutati da Lui perché avvelenati dal non senso e dalla falsità.

L’amante che, coscientemente o incoscientemente, non tiene in considerazione il benessere dell’io-collettivo, è incapace di poter amare efficacemente l’amato.

Chi ha mai visto o percepito l’io-collettivo?
Pochi fortunati penso;
forse da oggi saranno in maggior numero, a favore di tutta la Comunità umana.

 

Tarolli, 28 luglio 2019

 

 

TESSITORI DI SENSO

 

Potenza e Impotenza.
Motivo, obiettivo, direzione: ricerca.
Decisione, indecisione e speranza.
Fiducia, disperazione, salvezza.
Aiuto, solitudine, luce, buio.
Esplodano i pezzi già frantumati,
ritornino polvere,
disordine assoluto e poi
acqua, fango, nuovo creato?
Oppure no,
qui e in questo tempo:
nuovi tessitori di senso attorno,
guide di equilibrio lungo,
...la linea della Vita.
Riprenditi.
Rialzati.
e
cammina

 

Tarolli, 17 luglio 2019

 

 

 

 

 

 

Pasqua2019 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 ERA MORTO

 

Ogni persona è un mistero che
non si sa cosa possa raggiungere,
non si sa fin dove arrivi.

L'essere umano cammina,
muore,
era morto,
oltrepassa il confini terreni,
e continua a camminare,
tracciando una strada che serve a tutti;
voglio crederci.

 

Ogni persona è un mistero che
non si sa cosa possa raggiungere,
non si sa fin dove arrivi.

Amo Dio come Persona che già
ci comprende dall'oltre l'universo,
come Padre che ci aspetta,
e ci attende,
nonostante tutto,
senza giudicare il nostro tragitto terreno
come l'unico e il solo
che ci determina e ci definisce definitivamente;

Amo l'essere umano che
persa la paura del momento della morte,
procede ulteriormente il suo cammino verso le braccia di un Dio
fino a ritrovare ed abbracciare di nuovo,

ognuno di noi.

 

C'è chi lascia questo mondo prima del tempo,
forse per coraggio,
forse per vigliaccheria;
forse perchè entrato in una trappola senza scampo,
o travolto da una negatività devastante;
forse perchè trabboccante di sè, di forza ed impavida azione,
forse perchè ispirato da principi, ideali e valori senza tempo.

 

Ogni persona è un mistero che
non si sa cosa possa raggiungere,
non si sa fin dove arrivi;
mi spoglio della disperazione
perchè voglio crederci,
serenamente.

 

(dedicata a chi ci ha lasciato prima del tempo)

Tarolli, 05 marzo 2019

 

 

 

Serenità è vivere nella carezza della vita.

 

Tarolli, 02 marzo 2019

 

 

LA CASA DELLA FELICITA'

 

La tenerezza rallenta e ferma il tempo,
per poi ricrearlo nuovo, pacifico e dolce;
sbocciano nuovi germogli,
barcollano nella brezza vaporosa,
gonfi dell'esultanza del cuore,
aureole di luce in cammino verso il sole;
la tenerezza è la dimora della serenità.

 

Tarolli, 28 febbraio 2019

 

 

TEMPO DI GRAZIA

 

Il Signore di fronte al Signore,
io di fronte a te;

certo,

Lui ha avuto coraggio,
ha permesso a suo Figlio di spezzarsi in molte parti,
...,
e si aspetta il ritorno all'Unità,
in un modo non scontato però,
anzi, assolutamente inedito,
fatto dalle
nostre
storie
umane
che stiamo
vivendo.

Questo tempo si spacca,
come accade nell'innesto,
viene incastrato tempo e spazio nuovo,
per celebrare l'Eucarestia insieme:
qualcuno ha offerto

ancora

un'autentico atto d'Amore.

 

Tarolli, 08 febbraio 2019

 

 

LA SALUTE DELL’ANIMA


Spogliarsi di tutto
per poter danzare gioiosi con leggerezza,
guardare e riconoscersi in trasparenza,
accogliere nella subitanea vicinanza,
ascoltare la Parola germogliare libera dal nostro cuore,
sentire il caldo dei sentimenti di chi ci vuole amare;
spogliarsi di tutto
anche dalle pareti spesse della superbia
e dal cementato preconcetto della mente,
dalla memoria assassina e soffocante dei pensieri negativi e dai violenti ricordi,
così da vivere totalmente immersi e lambiti dall’Amore vero
ed essere impastati assieme al Lievito puro.
Ritorniamo a far parte dell’Amore vivo,
che mai invecchia ma felice spera,
dinamico opera
e intenso crede.

Sistema solare, mondo umano,


lí, 31 dicembre 2018

 

 

IL MONDO, PRESEPE VIVENTE

 

Te stesso e gli altri
siete la stessa Persona,
vivete nella stessa Persona,
per questo ci è stato detto:
"Ama il prossimo tuo come te stesso";
Amare il Noi-Persona,
Gesù,
nato di nuovo oggi,
proprio nel tuo cuore caldo,
culla disponibile alla meraviglia.
E' festa corale, globale, del Natale,
... il mondo tutto è un Presepe vivente.
Che la Luce illumini il tuo Volto
e il Nostro cammino.

 

Tarolli, Natale 2018

 

 

ALLA SOGLIA DEL PARADISO

Chi Sono, Dove sono, Dove vado

 

Poche slides di un Suo supremo sogno,
la nostra viva realtà;
fermo immagine, slow e super slow motion per Lui,
azione multidimensionale spesso veloce e incessante per noi;
un Suo assaggio semplificato e immaginifico,
impossibile somma di ingestibili e problematiche complicazioni per la ragione umana;
soffio di lieve polvere divina in mezzo a noi mentre siamo nascosti accanto all’Enorme Suo flusso: accelerazioni e velocità incommensurabili fuori, sopra, dentrissimo e aldilà da noi.
Ciò che risulta assennato e sensato, intenso, progressivo e pieno per noi,
è frammento d’istante e isolato, delinea pochi tratti monocromatici di un momento,
quasi un monologo pronunciato usando due tre-lettere, rispetto ad un concerto di infiniti e corali strumenti parlanti.
Che Lui possa entrare tutto nella nostra realtà limitata, finita e definita,
è un atto violento e di costrizione devastante e decostruttiva, come se l’universo finisse tutto compresso in uno schizzo di fumetto per bambino.
Che noi con le nostre poche e “pietrificate” molecole possiamo adesso-subito esibirci e danzare nel Suo iper universo, è impossibile follia oltre che ignorante azzardo, annichilente per lui, inconcludente e inzuppato di superbia per noi.
Quindi?
Fermati uomo, bloccati ancora di più di come sei già rallentato, e ascolta,
inginocchiati per trovare te stesso nei confronti di Lui, e guarda,
sporgiti un poco al di là e immergiti nel trasparente silenzio interiore:
Nasci e muori una volta, fatta di mille e mille volte, secondo la natura in cui vivi;
sei come un piccolo punto nero che appare e scompare su un enorme foglio bianco, eppure senti la tua vita grande, piena e colorata, come un fantastico quadro che stiamo dipingendo;
in realtà la tua vita null’altro è che la soglia di ingresso al mio mondo, come una porta che si apre alla nascita e si chiude alla tua morte terrena...
Vedi di essere entrato quando la chiudiamo, vedi di scegliermi, seguirmi ed entrare prima che la porta si chiuda per te; sappi che l’Amore pulsa in me come il sangue nel tuo corpo terreno.

Amen.

 

Tarolli, 27 ottobre 2018

 

 

Almeno due cose bisogna sapere nella vita umana:
1- se vuoi dare senso al vivere serve che ti metti ad amare; togli l’amore e troverai una vita senza senso e senza direzione, una vita spietata e violenta.
2- Se vuoi qualcosa, devi conquistartela, nessuno ti regala nulla; anche il dono gratuito della vita è compensato e pagato subendo il vincolo imposto del morire. Se non hai nemmeno il desiderio di conquistare qualcosa, di certo non otterrai nulla.
...
In altre parole
Servono almeno due cose nella vita umana:
1) Amare, altrimenti nulla ha senso;
2) il Desiderio di conquistare, altrimenti nulla si ottiene.


Tarolli, 21 ottobre 2018

 


IMPOSIZIONE DI SENSO


Quando Gesù spezza il pane,
sta morendo per noi;
quando una persona muore,
sta spezzando il suo pane con Cristo.

 

Tarolli, 06 ottobre 2018

 

 

wORLD Game Over

 

O Sconosciuto,
così silenzioso e nascosto sei,
ma ti ho scorto
ed ora ti osservo;
o Immenso,
quanto son piccolo io uomo
tanto sei da noi
completamente ignorato;
o Sconosciuto ti cerco,
so che esisti,
voglio rispettarti,
non ti abbandono;
ora mi manchi,
o mio Ignoto.
Quanto spesso noi esseri umani ti abbiamo sepolto e abbandonato,
quanto spesso ti abbiamo ucciso
con scelte secondo la nostra coscienza;
ma ora,
tra l'indifferenza regina,
ti ho intravisto.
Cerco di alzarti,
ti aiuto a tirarti fuori dalla terra,
è tempo di risorgere,
in me o dove vorrai;
vieni,
di giorno in giorno
ti preparo uno spazio di Vita accanto alla mia.

 

Tarolli, 03 ottobre 2018

 

 

FELICITA'

 

Come una pianta
protende i germogli per alimentarsi del sole,
forma i fiori per farsi ammirare e fecondare,
crea i frutti per essere gustata,
e ad ogni germoglio in più,
ad ogni fiore in più,
ad ogni frutto in più
cresce la gioia nelle sue membra,
così è farsi ed essere felici.

 

Tarolli, 07 settembre 2018

 

 

DEVE

 

L'esperienza ci insegna che
l'essere umano risulta

ampiamente
impotente o incapace
di risolvere molti problemi;
quindi,
quel poco che riusciamo a compiere
per migliorare questa realtà
deve essere fatto,

e nulla può essere lasciato intentato.

 

Tarolli, 05 settembre 2018

 

 

La serenità del cuore

conseguente ad una nostra buona azione,
è un gradino della scala spirituale
usato dal Signore
per scendere
nella realtà
di questo mondo.

 

Tarolli, 14 agosto 2018

 

 

NUDI

 

Togliti i vestiti,

levati gli occhiali,
apri le sbarre,
esci dal tuo ghetto;
lavati dalle barriere fisiche,
pulisci la tua mente,
riordina il cuore,
viaggia ben oltre la velocità della luce,
oltrepassa il cielo,
vieni fino a me
e abbracciami:
Ti Amo.

 

Tarolli, 12 agosto 2018

 

 

Un sordo muto interiore

che mi dona il flusso vitale

ogni giorno,

mentre io guardo me stesso,

immagine fisica

sul mio specchio interiore

rivolto verso Lui.

 

Tarolli, 11 luglio 2018

 

 

I DUE UNIVERSI VITALI e i rispettivi mondi normativi

 

Il primo universo è lo spazio del relativo-relativo,
cioè l'umanità mortale;
lo Spirito entra a vivere nell'uomo e nella donna
per un ciclo unico irripetibile
che dura una vita terrena.

 

Il mondo del relativo-assoluto,
è il contenitore dove vivono leggi che imperano nel relativo-relativo,
ripetibili all'interno del primo universo,
norme indiscutibili cioè scientifiche-sperimentali

che reggono le sorti della materia e dell'energia,
e discutibili cioè morali,

laiche o religiose,

che impastano e confinano la vita sociale umana.

 

Il secondo mondo normativo può dirsi dell'assoluto-assoluto,
cioè quello in cui esistono le leggi assolute;
leggi eterne, immortali, seppure in evoluzione.

 

Il secondo universo può chiamarsi dell'assoluto-relativo,

dove vive la divinità eterna,
nel rispetto del secondo mondo normativo;
tale flusso vitale risulta ancora incomprensibile e misterioso per l'umanità terrestre.

 

Tarolli, 07 luglio 2018

 

 

Attenti a fissare tutto,
perchè poi non riuscirete più a sognare;
lo spazio del sogno è infatti l'indeterminato e

l'ignoto per l'essere umano;
bisogna avere rispetto,
tenere in considerazione e
dare il giusto ossigeno allo sconosciuto.
Attenti a non fissare niente durante la Vita,
finirete con non trovare, evitare, cancellare
il vostro posto
per il seme,
il posto
per il vostro seme.

 

Tarolli, 26 giugno 2018

 

 

Dialogare significa

imbandire un tavolo comune

con le mie posate e i tuoi piatti ...;

servire il tuo primo e il mio secondo,

mangiare il tuo dolce

e bere il mio caffè.

 

Tarolli, 10 giugno 2018

 

 

ABBRACCIO UNIVERSALE

 

L'apertura di ogni persona è piccola,
ma oltrepassata questa inizia uno sguardo infinito,
una percezione dell'infinito personale.
Ci si crede unici,
re o regine,
possessori dell'universo;
in realtà quelle stelle lassù sono sostenute e
si appoggiano sopra miliardi di occhi
che dall'interno del sè si tuffano e proiettano verso gli abissi del cielo;
ognuno trasporta in sè il peso leggero dell'enorme infinito,
lo solleva e lo custodisce tutto,
come se fosse la propria anima che vive e si espande.
Dentro,
l'uomo e la donna,
fuori dall'essere umano,
l'unico infinito ci comprende e
ci assorbe tutti
ad ogni suo respiro.
Due o più persone possono condividere
le proprie piccole aperture
sovrapponendo i vicendevoli anelli;
alle loro soglie
scriviamo di noi stessi e
ci raccontiamo;
i bagliori della nostra personalità
partono da noi e
viaggiano nell'infinito interiore
fino ad intrecciarsi con la luce delle stelle;
il mistero che sgorga dall'alto,
ai confini dell'universo,
si mescola e si unisce al nostro,
si forgiano lettere nuove,
ancora incomprensibili alla nostra mente;
il senso di tutto,
nel divenire,
viene partorito distante dalla carezza delle nostre mani,
sebbene il tepore che scorre tra il palmo e la pelle
della creatura da noi accarezzata,
sia lo stesso, qua e lassù.

 

Tarolli, 03 giugno 2018

 

 

Il sole non preferisce un fiore rispetto ad un'altro;

forse è per questo che ogni fiore crede il sole tutto suo.

 

Tarolli, 22 maggio 2018

 

 

Le tue dita come cinque petali

si chiudono dolci su di me,
sboccia accanto un nuovo fiore,
si distende, si alza, splende,
fino a toccare la luce e

sorseggiare il tuo calore;
Nuovamente Noi,
intrecciati in fiore
profumiamo il cielo
di spore gaie d'Amore.

 

Tarolli, 06 maggio 2018

 

 

... viaggiavo in bicicletta facile e liscio,
le farfalle mi sorpassavano lente,
le lumache mi giravano attorno,
mentre i petali di ciliegio lambivano il viso e i pensieri;
tutto era sollevato e sospeso nel giocoso tepore di primavera.

 

Tarolli, 01 maggio 2018

 

CIBO SPIRITUALE

 

Il contadino ha seminato,

la natura ha seminato,

e crescono le piantine,

sia nel terreno dissodato che nel terreno selvatico.

Il contadino desidera il frutto dalle sue piante,

la natura aspetta il frutto dalle proprie secondo la legge scritta nel genoma.

La nostra vocazione personale

è scovare nel sé quel piccolo seme

gettato in noi dal contadino,

riconoscerlo come buono perchè pieno di speranza,

aiutarlo a crescere nell’esultanza,

fare in modo che possa manifestare quei frutti speciali,

donarli ai nostri simili

ed a lui,

lasciandoci portare come raccolto

nel suo mondo.

 

Tarolli, 23 aprile 2018

 

 

SFIDA VERSO L'ETERNO

 

Credere in qualcosa di immateriale,

per noi che siamo stabiliti su un comodo trono concreto,
è vicino all'impossibile;
per legge fisica tutta la materia è soggetta al Panta Rei,
al mutamento,
allo stravolgimento,
alla pazzia dei flussi energetici;
per poter vivere ancora
serve slegarci dal vincolo costitutivo materiale
ed educarci al volo racchiusi nel seme spirituale.
Sentire la brezza che spira all'entrata,
ponendoci all'uscio
che separa
la nostra spugna fisica palpabile
e la leggerissima libertà spirituale,
è l'inizio del dialogo
tra l'io piccolo diluito in questa carne,
e il Tu sublime concentrato che oltrepassa le ere.

 

Tarolli, 15 aprile 2018

 

 

PASQUA 2018

Bagno dentro il Sole

 

Per scelta profumata di Amore,
rompe nel silenzio le pesanti catene
con cui lo hanno legato alla Persona della Vita,
perchè vuole AmarLa liberamente,
con Gioia danzante;
da ultimo si spoglia anche della morte,
per essere assorbito nudo nella luce della Vita eterna.

 

Tarolli, 01 aprile 2018

 

 

Quando un cuore è spalancato dalla luce dell'Amore,
assieme all'Amata,
può abbracciare il mondo intero;

Riflesso di cielo...

... sul lago calmo dell'anima.

 

Tarolli, 25 marzo 2018

 

 

VOLO DI PRIMAVERA

 

Dall'abbraccio del cuore

nella pigna in cima all'albero madre,
poi
d'improvviso ciechi e sordi

atterriamo sul mondo,
dentro la terra bruna,
senza più poter sentire, vedere o ricordare i genitori;
un'esistenza come dal nulla,
con un unico futuro possibile,
partorirsi in un virgulto di vita che si solleva perduto dentro un cielo senza fine.
Ed altrove c'è Chi aspetta di cogliere il nostro frutto.

 

Tarolli, 21 marzo 2018

 

 

Determinante è la riflessione concepita prima di svegliarsi,

prima del metabolismo celebrale;
il resto non macina più,

sia esso preistorico passato,

morente presente o

stucchevole logico futuro;
la sorgente musicale sta in levare non nel battere;

quindi

ascoltare e domandare,

domandare ed ascoltare,

prima di riversarsi nel fare.

 

Tarolli, 11 marzo 2018

 

 

Ciò che ci stabilizza

è lo Spirito di comunità;

senza si è come stuzzicadenti

che rimbalzano in punta di piedi.

 

Tarolli, 28 febbraio 2018

 

 

NUOVO SISTEMA BIO-ECONOMICO PER SOCIETA' “EVOLUTE”

(prima bozza)

 

  • da bambini (0 - 10 anni): con i genitori e i bisnonni (pagano i bisnonni);
  • da ragazzi (10 - 20 anni): educati dai genitori e i nonni (pagano i nonni);
  • da uomini (20 a 30 anni): generazione e prima educazione dei figli (pagano gli adulti);
  • studenti adulti (30 a 35 anni): università (autofinanziamento);
  • adulti (35 a 50 anni): lavoro nel campo in cui si ha studiato;
  • nonni (50 a 60 anni): educazione dei nipoti (ragazzi);
  • bisnonni (60 anni in poi): prima educazione dei nipoti (bambini).

 

Tarolli, 17 febbraio 2018

 

 

Dalla VITA il Lavoro 

 

Se il lavoro viene prima della Vita,

Ella ci abbandonerà fino a farci morenti di lavoro,

ci lascerà morire durante quel lavoro che diverrà sempre più inutile, vuoto e insignificante;

se la Vita dirige il lavoro,

questo si riempie di sostanza, senso e soddisfazione.

 

Tarolli, 06 febbraio 2018

 

 

Ottuso è colui che tenta di infilare

uno spago tra la trama di un tessuto di seta

usando le sole dita,

acuto è colui che adopera un sottile ago appuntito e

oltrepassa la trama col filo

senza provocare alcun danno.

 

Tarolli, 06 febbraio 2018

 

 

Nell'

infinito all'infinito

trovarci

è

miracoloso.

 

Tarolli, 28 gennaio 2018

 

 

TUTELA AMBIENTALE ...

 

Un essere vive se esiste un ambiente in grado di accoglierlo;
un Amore fiorisce se c'è un Paradiso in cui può dimorare;
una creatura sta in un ecosistema se è collegata con cordone ombelicale alla natura in cui è immersa;
lo Spirito dimora sospeso nello spazio riscaldato dal dialogo amorevole tra due persone.
La palude consente la presenza di un ranocchio,
il progetto realizza un grattacielo,
l'ambiente sociale permette la libertà all'uomo,
l'Amore genera il matrimonio e partorisce il futuro in carne e ossa.
La comunità che ama sa accarezzare l'immenso Dio spezzato nei nostri piccoli e fragili cuori.

 

Tarolli, 25 gennaio 2018

 

 

Il vero specchio di noi stessi

sono gli altri che ci guardano e

scrivono parole

sul nostro volto

con i loro occhi.

 

Tarolli, 25 gennaio 2018

 

 

Cammina tra le stanze della tua casa mentale

fino a trovare la finestra che fa entrare il sole

e lì stai tutto il dì;

questo ti permetterà di respirare la salute.

 

Tarolli, 13 gennaio 2018

 

 

 
 
 

P.S.

Questi scritti sono da leggere con ampio senso critico,

possono essere colti come spunto per riflessioni personali o comunitarie,

NON sono da considerare Verità assoluta.